martedì 12 dicembre 2017

Novità in libreria - Patria 1967-1977 di Enrico Deaglio e Valentina Redaelli (Feltrinelli)



Che cosa è successo davvero nel decennio tra il 1967 e il 1977? come è cambiato il nostro Paese? I dieci anni che hanno cambiato il nostro Paese, come nessuno li ha mai raccontati. Per chi c'era, per chi non c'era e per chi ha dimenticato. Enrico Deaglio torna per raccontare un decennio fondamentale, e lo fa da testimone d'eccezione, che ha vissuto gli anni dal 1967 al 1977 in prima persona e ne restituisce tutta la violenza e la passione. La nuova impresa storiografica e narrativa di Deaglio comincia nel 1967, quando l'economia italiana è nel pieno del boom economico e, allo stesso tempo, compaiono le prime manifestazioni e i segni germinali di profondi sconvolgimenti sociali. È l'inizio degli anni di piombo. Ma è anche l'anno in cui Gianni Morandi canta «C'era un ragazzo che come me», De André «Via del Campo» e Iva Zanicchi vince con Claudio Villa il quinto Festival di Sanremo, quello del suicidio di Luigi Tenco. È il periodo in cui si diffondono i jeans e diventano il simbolo della controcultura giovanile. Di anno in anno, dalla battaglia di Valle Giulia all'autunno caldo e alla strage di piazza Fontana, fino alle prime leggi speciali e al movimento del '77, Deaglio tesse un grande arazzo, pieno di colori, sorprese, storie notissime e storie dimenticate, retroscena emersi solo decenni dopo e misteri ancora irrisolti, facendo rivivere le storie e la cultura, la musica e le idee che hanno segnato un'epoca.

lunedì 11 dicembre 2017

Novità in libreria - Peccato originale. Conti segreti, verità nascoste, ricatti: il blocco di potere che ostacola la rivoluzione di Francesco di Gianluigi Nuzzi (Chiarelettere)



Dopo Vaticano Spa, Sua Santità, Via Crucis, tre inchieste che ci hanno introdotto nelle stanze e nei segreti più profondi del Vaticano, in questo nuovo libro Gianluigi Nuzzi ricompone, attraverso documenti inediti, carte riservate dall’archivio Ior e testimonianze sorprendenti, i tre fili rossi – quello del sangue, dei soldi e del sesso – che collegano e spiegano la fitta trama di scandali, dal pontificato di Paolo VI fino a oggi Una ragnatela di storie dagli effetti devastanti, che hanno suscitato nel tempo interrogativi sempre rimasti senza risposta e che paralizzano ogni riforma di papa Francesco. L’autore ricostruisce finalmente molte verità che mancavano, a cominciare dal mistero della morte di papa Luciani e il suo incontro finora mai divulgato con Marcinkus; la trattativa riservata tra Vaticano e procura di Roma per chiudere il caso Emanuela Orlandi; i conti di cardinali, attori, politici presso lo Ior, tra operazioni milionarie, lingotti d’oro, fiumi di dollari e trame che portano al traffico internazionale di droga; l’evidenza di una lobby gay che condiziona pesantemente le scelte del Vaticano, tra violenze e pressioni perpetrate nei sacri palazzi e qui per la prima volta documentate. Ecco il “fuori scena” di un blocco di potere per certi aspetti criminale, ramificato, che continua ad agire impunito, più forte di qualsiasi papa (Ratzinger è stato costretto alle dimissioni aprendo però la strada a Bergoglio), sempre capace di rigenerarsi, che ostacola con la forza del ricatto e dei privilegi ogni tentativo di riforma.

sabato 9 dicembre 2017

Novità in libreria - Sbam! Il diario di viaggio di Jovanotti (Mondadori)



SBAM! è un pezzo del nuovo album OH, VITA! prodotto da Rick Rubin, una grande avventura umana e musicale. SBAM! è l'improvviso convergere di infinite linee in un nuovo big bang, un po' più big e un po' più bang. SBAM! è questo libro, che è anche una raccolta di racconti e visioni di autori di diversi mondi. SBAM! contiene un lungo diario di lavorazione del disco nuovo di Lorenzo ""Jova"", 80 pagine di avventure ai confini della realtà. SBAM! potrebbe essere il numero uno di una nuova rivista che mentre tutto è digitale e il mondo è una timeline lei è di più, è SBAM! SBAM! SBAM! SBAM!

Lorenzo Cherubini - in arte Jovanotti - nasce il 27 settembre 1966 a Roma. Ancora adolescente lavora come DJ su diverse radio locali e nelle varie discoteche romane, proponendo musica dance e l’allora neonato genere hip hop. Scoperto da Claudio Cecchetto, a 19 anni Lorenzo si trasferisce a Milano, dove inizia a trasmettere dai microfoni di Radio DeeJay con il nome di Jovanotti. “Gimme Five", "È Qui La Festa?" sono i titoli dei suoi primi successi, che preludono all'album d'esordio "Jovanotti For President", mentre con lo pseudonimo di Gino Latino Jovanotti pubblica anche musica dance. Nel 1989 è concorrente al Festival di Sanremo con il brano "Vasco". Partecipa poi a programmi televisivi come "Deejay Television" e conduce "1, 2, 3...casino". Sono di quegli anni anche il suo primo libro, "Yo, Brothers And Sisters", e gli album "Giovani Jovanotti" e "Lorenzo 1992". L’album successivo, "Lorenzo 1994", affronta in modo ampio tematiche sociali, con brani come "Dammi Spazio", "Si Va Via", "Barabba", mentre "Serenata Rap" diventa la canzone d’amore più programmata dell’anno. L’uscita dell’album viene accompagnata dalla pubblicazione del libro "Cherubini" e coincide con la fondazione della sua nuova etichetta discografica, Soleluna. "Lorenzo 1994" è anche il primo disco che afferma il nome di Jovanotti all'estero, specialmente in Europa e in Sudamerica. Con "L'Ombelico Del Mondo", nuovo brano contenuto nella raccolta di successi "Lorenzo 1990 - 1995", gareggia nel 1996 agli MTV Awards americani nella categoria riservata al miglior video europeo. "Lorenzo 1997 - L'Albero" è definito da molti un disco di world music per i numerosi riferimenti ad altre culture e ad altre musiche. Nel 1998 espone per la prima volta i suoi quadri nell'ambito del Brescia Music Art; partecipa ai tributi “The Different You", dedicato a Robert Wyatt, e "Red, Hot + Rhapsody", dedicato a Gershwin, e alla compilation "Artisti Uniti per gli Zapatisti del Chiapas", finalizzata alla raccolta fondi per la costruzione di un ospedale nella regione messicana. Nello stesso anno pubblica anche il libro "Il Grande Boh!". I suoi successivi album sono: "Capo Horn" (1999), “Il Quinto Mondo” (2002), “Buon Sangue” (2005), "Safari" (2008) e "Ora" (2011).

giovedì 7 dicembre 2017

Novità in libreria - Esce per i Quaderni del Bardo Edizioni Al di qua delle palpebre. Cronache e prassi di un onironauta di Roberto Shambhu





















"Il sogno lucido, come arte divinatoria, è realmente il ponte tra il terrigeno e il superno? È una pura funzione vitale, una meccanica circadiana o, piuttosto, la visione onnisciente, l'estensione edenica del supercosciente? Roberto Shambhu scaglia arditamente i suoi astragali negli universi del non-tempo, conducendoci in quella dimensione "altra" dell'esistenza, stillandone un metodo, cogliendone una pratica." (Dall'introduzione di Stefano Delacroix)

Per avere info su come ordinare i libri comodamente a casa vostra senza spese di spedizione scrivete pure a iquadernidelbardoed@libero.it

Novità in libreria - Una storia nera di Antonella Lattanzi (Mondadori)



Antonella Lattanzi, voce unica nel panorama letterario contemporaneo, costruisce un meccanismo narrativo miracoloso – un giallo, un noir, una storia d'amore – popolato di creature splendidamente ambigue. Roma, 7 agosto 2012. Il giorno dopo la festa di compleanno della figlia minore, Vito Semeraro scompare nel nulla. Vito si è separato da qualche tempo dalla moglie Carla. Ma la piccola Mara il giorno del suo terzo compleanno si sveglia chiedendo del papà. Carla, per farla felice, lo invita a cena. In realtà, anche lei in fondo ha voglia di rivedere Vito. Sono stati insieme per tutta la vita, da quando lei era una bambina, sono stati l'uno per l'altra il grande amore, l'unico, lo saranno per sempre. Vito però era anche un marito geloso, violento, capace di picchiarla per un sorriso al tabaccaio, per un vestito troppo corto. "Può mai davvero finire un amore così? anche così tremendo, anche così triste." A due anni dal divorzio, la famiglia per una sera è di nuovo unita: Vito, Carla, Mara e i due figli più grandi, Nicola e Rosa. I regali, la torta, lo spumante: la festa va sorprendentemente liscia. Ma, nelle ore successive, di Vito si perdono le tracce. Carla e i ragazzi lo cercano disperatamente; e non sono gli unici, perché Vito da anni ha un'altra donna e un'altra quasi figlia, una famiglia clandestina che da sempre relega in secondo piano. Ma ha anche dei colleghi che lo stimano e, soprattutto, una sorella e un padre potenti, giù a Massafra, in Puglia, i cui amici si mobilitano per scoprire la verità a modo loro. Sarà però la polizia a trovarla, una verità. E alla giustizia verrà affidato il compito di accertarla. Ma in questi casi può davvero esistere una sola, chiara, univoca verità? Antonella Lattanzi, voce unica nel panorama letterario contemporaneo, costruisce un meccanismo narrativo miracoloso – un giallo, un noir, una storia d'amore – popolato di creature splendidamente ambigue. Attraverso una macchina linguistica prodigiosa e un ritmo incalzante e cinematografico, percorre in funambolico equilibrio il crinale che separa bene e male, colpa e giustizia, amore e violenza. E rivela, uno dopo l'altro, i segreti che ruotano attorno ai suoi personaggi, fino a far luce su quello che è successo davvero la notte in cui Vito è scomparso.